Finalmente si vota!

In un paese democratico questo sarebbe normale, normalissimo, ma in Italia no, sui media il voto viene presentato come un’incognita e, ascoltando le voci che vengono da Bruxelles, addirittura un pericolo per la tenuta dell’Europa stessa. Ma sappiamo benissimo di cosa stanno parlando: i partiti -diciamo tradizionali- perdono consenso a causa delle loro politiche fallimentari, quando non delinquenziali, e ora hanno paura della crescita del M5S. Questi politici tradizionali sanno che noi del M5S siamo diversi e che l’accomodamento, l’inciucio, l’anteporre l’interesse personale a quello collettivo non saranno più possibili. E questo li atterrisce. Eppure i marziani sono loro, non noi! Chi guarda con speranza al M5S è un cittadino normale, che ritiene fermamente che rubare sia una cosa negativa, insomma un reato da punire; pensa che lo Stato debba gestire l’interesse collettivo e che i cittadini vadano rispettati.

Quella di ora è un’Italia rovesciata, rimettiamola a posto! Abbiamo lo strumento e una data: elezioni del 4 marzo! Hanno fatto di tutto per tenere in piedi un parlamento fittizio, che non corrispondeva assolutamente al voto che gli italiani avevano dato. E’ stata la legislatura con maggior numero di cambi di casacca, ben 198. Queste sono le persone su cui si sarebbe ancorata la stabilità del governo? Ormai ci prendono in giro senza nemmeno cercare scuse credibili!

Certo, questo continuo cambio di casacca può essere fatto, non è contro la legge o la Costituzione, tuttavia è una forzatura istituzionale e certamente è un tradimento del mandato politico, dell’espressione della volontà degli elettori. E allora questi parlamentari chi stanno rappresentando? I cittadini che li hanno eletti no di sicuro. Serviva un Parlamento debole, ricattabile, interessato solamente a rimanere incollato sulla poltrona in attesa di aver maturato la legislatura in funzione della pensione. La parola d’ordine era “non far cadere il Governo” e, all’occorrenza, crearne uno fotocopia, ed è così che sono passate le “porcate” più immonde. Non a caso, quando è stata data la possibilità ai cittadini di esprimersi (vedi referendum costituzionale), l’attività del governo è stata sonoramente bocciata. Ora abbiamo due scadenze, le elezioni nazionali e le regionali: è ora di rovesciare il tavolo e mandarli tutti a casa. Certo, sappiamo che hanno fatto una legge elettorale porcata pensata e cucita per colpire il M5S, ma il consenso dei cittadini sta aumentando, giorno dopo giorno. Nonostante i media, le leggi truffa, le menzogne, abbiamo la possibilità di raggiungere un doppio obiettivo: il Governo e la Regione. Oggi il M5s è forza di governo forte e responsabile. Ad ognuno di noi il compito di cacciare questi signori, uscire dalla palude della necessità e costruire un’Italia a prova di futuro.

Andrea Saladino
Portavoce e Consigliere del M5S Palestrina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Andrea Saladino, il nostro portavoce consigliere
M5S Palestrina
Il Movimento 5 stelle è entrato nell'istituzione comunale di Palestrina ed è rappresentato dal nostro consigliere comunale Andrea Saladino. Seguilo sulla sua pagina facebook.
Cittadini attivi
M5S Palestrina

Benvenuto nel sito del M5s di Palestrina, questo è lo spazio che dedichiamo al dibattito politico, a far conoscere la nostra attività e le nostre lotte sul territorio, a informare e mettere a disposizione documenti e calendari di appuntamenti. È la nostra piazza a 5 stelle, il nostro giornale e il luogo dove incontrarci e conoscerci. Il nostro movimento è una realtà viva fatta di persone, di storie, di esperienze e confronti, per questo il tuo contributo è essenziale. Nessuno ci finanzia, tutti i contributi, in idee, impegno e presenza attiva sono i mattoni del nostro edificio; aiutaci a farci conoscere e usare questo sito come la tua e la nostra piazza per costruire un'Italia bella da vivere.